Il Napoli dice NO al razzismo

Il Napoli dice NO al razzismo

Troppi gli episodi di razzismo e intolleranza da parte dei tifosi e i giocatori della squadra sono determinati a dire basta. Il Napoli dice no al razzismo e se dovesse ancora capitare un episodio simile a quello a cui abbiamo assistito durante Fiorentina – Napoli, i giocatori hanno fatto sapere che faranno sospendere la partita e usciranno dal campo.

Questa dura presa di posizione era auspicabile ed inevitabile, dopo che Victor Osimhen, Zambo Anguissa e Kalidou Koulibaly sono stati coperti di insulti razzisti durante la partita. Al momento sono ancora in corso le indagini sull’accaduto da parte della DIGOS e gli agenti stanno ancora lavorando per individuare i colpevoli.

Le partite vanno sospese

Quando i tifosi vanno in campo per supportare la propria squadra in un clima di rispetto e gioia, anche i giocatori in campo beneficiano dell’energia positiva che arriva dagli spalti. La situazione è ben diversa se invece i tifosi si presentano alo stadio con l’intenzione di denigrare e insultare i giocatori per motivi razziali.

Non è accettabile che nel 2021 si parli ancora di episodi di razzismo negli stadi e i giocatori del Napoli hanno intenzione di ricorrere alla linea dura in questi casi. Secondo i calciatori partenopei, le partite vanno sospese immediatamente in caso di insulti razzisti. I calciatori hanno fatto sapere che se dovesse succedere di nuovo, usciranno dal campo per mandare un segnale chiaro e inequivocabile.

Indagini in corso da parte della DIGOS

Quello che è accaduto al Franchi non resterà impunito, infatti sono state avviate delle indagini da parte della DIGOS per individuare i responsabili degli insulti. I video delle telecamere di sorveglianza e quelli televisivi saranno determinanti per risalire ai responsabili, contro i quali sarà avviato un procedimento penale.

Eurobet VERIFICA
5€ BONUS + 10€ BONUS + BONUS FINO A 200€
betaland VERIFICA
100% di BONUS fino a 100€
Codere VERIFICA
OFFERTA BENVENUTO SPORT