FANTARACCONTI – Ecco come ho vinto lo scudetto al fantacalcio

Dopo molti anni di inattività fantacalcistica quest’anno ho deciso di aggregarmi ad una lega di amici e conoscenti di diverse città, che da innumerevoli stagioni giocano al fantacalcio. 

La nostra lega: “Lega Mantrapanàelcueo”, è composta da 12 agguerrite squadre, per la prima volta sperimento il sistema Mantra e i modificatori difensivi, che aggiungono effettivamente quella punta di realismo al gioco dando vita a squadre più verosimili ed equilibrate.

L’asta iniziale (con soli 250 fantamilioni) è spietata e crea come prevedibile qualche acredine, l’allenatore del Lokomitiv K più di tutti si lamenta di come fossero andate le cose. Io, da allenatore della Slavi a Praga, dal canto mio ero soddisfatto dell’asta potendo avere schierabili contemporaneamente Milinkovic-Savic, Mhkitarian, Insigne, Ilicic e come Top Player Gomes (pagato ben 35). Inutile dire che anche le conseguenti aste di riparazione sono state sentite e combattute, soprattutto l’ultima dove per El Shaarawy (un prezioso W/A date le scarse prestazioni degli altri compagni di ruolo ad eccezione di Chiesa e Politano) io e l’allenatore del Lokomotiv ci siamo dati battaglia fino all’ultimo credito disponibile (anche se dato l’andamento della stagione del fu Faraone, la nostra è stata una battaglia in ogni caso senza vincitori). Nel complesso comunque molti fantallenatori hanno composto squadre equilibrate e competitive. 

Basti pensare che a sole due giornate dalla fine, c’erano ancora 7 su 12 squadre che si potevano giocare lo scudetto, la situazione in classifica era la seguente:

35pt Slavi a Praga
34pt Polisportiva Gaetano Prepuzio Felicione
33pt Casteldisangro
32pt DLS Larchuma La Rojita
32pt Raffo Team
31pt Lokomotiv K
30pt grandecornoliobruumbruum

Col mio Slavi a Praga gioco la penultima giornata contro un mio caro amico, con punta di diamante un certo Lukaku. Con tanti avversari a pochi punti dietro di me, ho un solo risultato utile buono…la vittoria, come sempre so che dipenderà dal caso e dalla fortuna al di la delle mie scelte.

Utilizzo il classico modulo 4-2-3-1, in porta sono molto combattuto sullo schierare Silvestri (Vs Fiorentina) o Skorupski (Vs Torino) ma alla fine opto per il Gatto (1° errore), contando sulla più solida difesa veronese rispetto a quella felsinea; sebbene molto indeciso decido di dare fiducia a Mhikitarian a discapito di Perisic, che relego in panchina (2° errore). L’anticipo del martedì vede proprio il gatto Silvestri in campo e subito una doccia, anzi doppia doccia fredda…prende 2 goal mentre il mio avversario, che gioca in casa, mette a referto due onesti 6. Il martedì si chiude quindi con un -3 rispetto al mio avversario, comincia il mercoledì con una buona notizia, l’assist di Soriano (mentre Skorupski fa una prestazione da 7 e subisce 1 solo goal, naturalmente maledico la mia scelta), nel frattempo realizza un assist Gabbiadini (del mio avversario) che pareggia i conti con quello di Soriano. Il mio Perisic spinto in panchina contro la sua volontà mi dimostra che avrei dovuto dargli fiducia e infatti insacca…ma attualmente è il primo dei miei panchinari e a questo punto comincio a sperare che Ilicic o Mhikitarian (unici tra i miei non certi della titolarità) non scendano in campo (quasi arrivando ad augurare un lieve infortunio nel riscaldamento prepartita di uno dei due). Nel frattempo gli altri miei giocatori impegnati in giornata portano a casa nel complesso una media del 6 che mi fa restare comunque in deficit di 1,5 punti rispetto all’obiettivo del 66. Ma la cosa fortunata (almeno per me) del mercoledì è che l’inter del mio avversario (che schierava anche Eriksen oltre a Lukaku) fa una mesta figura e la bomba Lukaku si disinnesca da sola portando a casa un bel 5 (per mia fortuna). Comincio a sperare che lui non raggiunga la soglia dei 66 punti ma attualmente anche io sono virtualmente sotto di un paio di punti, il che vorrebbe dire un triste pareggio 0 a 0.

Al mio avversario restano Pellegrini (Roma) e Lulic (Lazio), mentre a me devono ancora scendere in campo 4 dei 5 giocatori offensivi che avevo schierato e spero timidamente in almeno un goal da parte di uno di loro… Il giovedì comincia con Roma-Atalanta, purtroppo il mio augurio che uno tra Ilicic o Mhikitarian non scendesse in campo, così da far subentrare Perisic, non va a buon fine. Entrambi titolari dall’inizio, spero in un loro guizzo ma hanno entrambi una prestazione molto opaca con rispettivamente un 6 e un 5, portandomi ulteriormente sotto la soglia virtuale del 66…ora un goal non sarebbe più sufficiente a garantirmi di superare l’agognata soglia del 66. Tra le altre cose a mantenere viva la possibilità di vittoria di Cavallo, ci pensa Pellegrini Lo che a più riprese sfiora il goal che avrebbe voluto dire 66 raggiunto e allo stato attuale una conseguente sconfitta dello Slavi a Praga…

Comincia l’ultima partita, Napoli-Lazio, la Cavallo ha ancora Lulic che può andare a bonus mentre io ho 2 giocatori in campo e punto su quelli. So che per vincere devo sperare in un gol ed una prestazione sopra la media dei miei due giocatori oltre a dover sperare che Lulic non segni…per mia fortuna Lulic parte dalla panchina e non sembra essere una minaccia, ma colui che mi delude è il fiore all’occhiello del mio centrocampo, Milinkovic-savic causa dopo pochi minuti un calcio di rigore con conseguente e giusta ammonizione. Se la notifica mi fa cadere un po’ di sconforto il pensiero successivo però mi fa sorridere…l’altro mio giocatore in campo è lo scugnizzo Lorenzo Insigne, che guarda un po’ è proprio il rigorista del Napoli…e tac, insacca con freddezza. Ma nonostante il goal su rigore non ho ancora la certezza di aver superato la soglia del 66, troppe insufficienze dagli altri giocatori e la prestazione di Milinkovic-savic che è da 5… Ma poi arriva la sicurezza, Insigne firma la doppietta e poco dopo arriva anche il sigillo di Milinkovic-savic che riscatta la pessima prestazione con un gran goal. Ultimi brividi dopo l’ingresso in campo di Lulic nel timore possa magari andare a segno o fare una doppietta, ma ha giusto il tempo per andare mestamente a voto senza incidere sul match. Alla fine, solamente grazie al risultato dell’ultima partita della giornata, lo Slavi a Praga vince fuori casa 0 a 3.

Con questa vittoria il mio Slavi a Praga arriva a quota 38 punti, incuriosito do un’occhiata ai risultati dei miei diretti inseguitori in classifica per vedere cosa era successo.

E qui mi rendo conto dell’inaspettato… La temibile Polisportiva Gaetano Prepuzio Felicione (con due pesi massimi in attacco come Ronaldo e L. Martinez) a 1 solo punto in classifica dalla vetta perde 2 a 0 contro la scheggia impazzita FKGB Spartak Czar (che può contare su Immobile, Muriel e Politano e che più di una volta ne ha fatti 4 agli avversari). La poderosa corazzata Raffo Team (di Belotti, Caputo e De Paul) non arraffa la vittoria ma bensi perde in casa 0 a 5 con il fanalino di coda Quattro Fighette (grazie ai goals di Alex Sandro, Pandev e Calhanoglu). L’arcigna Lokomotiv K (che vanta due terzini di primordine come Hakimi e Hernandez) cade per 4 a 1 sotto i colpi dell’Ardita Trentina (grazie ai goals di Barrow, Jao Pedro, Cristante e De Light). Il volenteroso Grandecornoliobruumbruum vince 3 a 1 contro l’ostico Atletico Tannhauser ma resta suo malgrado a -5 dalla vetta con 1 sola partita da disputare.

Nello scontro diretto tra la fortissima Casteldisangro a soli -2 (di Ibrahimovic, Berardi, Veretout, Zielinski e Spinazzola) e La sorprendente DLS Larchuma La Rojita a -3 (senza Top Player ma con molti acquisti azzeccati come Simy, Vlahovic, Malinovskyi, Zaccagni e Kessié) è successo di tutto dove solo il modificatore difesa ed un pizzico di fortuna (almeno per il mio Slavi a Praga) le fanno pareggiare 3 a 3, il Casteldisangro può per giunta recriminare che per soli 0,5 punti non realizza il goal numero 4.

Quind,i con mia sorpresa grazie ai risultati degli altri campi, ad una giornata dal termine di questo campionato combattuto ed incerto, con 4 punti di vantaggio sulle seconde in classifica lo Slavi a Praga si guadagna lo scudetto! Ora ci concentriamo sulla coppa ;-)!

Al di la della vittoria del tricolore, che certamente fa piacere ma che è arrivata anche grazie a dei colpi di fortuna, devo ammettere che immergersi nuovamente nel mondo del fantacalcio, scegliere la formazione, gli scongiuri o le imprecazioni settimanali all’apparizione delle notifiche dei goal fatti o subiti e l’emozione dell’attesa delle pagelle del giorno dopo, è stato un piacevole ritorno ad emozioni ormai sopite da tempo. 

È proprio vero…mai smettere di giocare, anche da adulti!

PS: Alla fine dei conti per onestà va detto che l’allenatore del Lokomotiv K aveva ben donde di lamentarsi all’asta iniziale, non tanto per l’andamento dell’asta stessa ma per il fatto che pur avendo realizzato il maggior numero di gol (ben 48 contro i 42 delle migliori seconde) si ritrova ad una giornata dal termine con 7 punti di distacco dalla vetta e ben 6 squadre davanti a se.

Elia – La mia Lega Fantacalcio

Hai anche tu un #Fantaracconto che vorresti veder pubblicato su Fantacalcio.it?

La tua asta è alle porte, o hai un aneddoto stagionale da volerci raccontare? Mandaci la tua storia, le foto, i video, e tutto ciò che reputi utile per poterti vedere protagonista del fantacalcio: i #Fantaracconti migliori verranno pubblicati sul sito e sulle nostre pagine social!

Invia il tutto via mail a fantaracconti [@] fantacalcio.it, e non dimenticarti di linkare all’interno della mail la tua Lega Fantacalcio altrimenti il racconto non potrà partecipare al contest.

Solo i migliori, quelli scritti meglio, più correttamente, e dettagliatamente, verranno selezionati e pubblicati!

GoldbetR VERIFICA
BONUS PER TE FINO A 160€
Skybet VERIFICA
BONUS DI BENVENUTO FINO A 100€
Sisal VERIFICA
BONUS BENVENUTO DA 350€