Addio Marvin Hagler, se ne va il ‘Marvelous’ della boxe

AGI – Per tutti resterà ‘Marvelous’, il Meraviglioso Marvin Hagler, dominatore dei medi dall’80 all’87. La scomparsa a 66 anni del fuoriclasse americano della boxe, uno dei più grandi pugili della storia, è arrivata all’improvviso sabato sera, nell’ora in cui l’America si fermava davanti alla tv per vederlo salire sul ring. La notizia è stata data dalla moglie, Kay, sulla pagina ufficiale su Facebook del Fan Club di Hagler. Nel giro di pochi minuti sono arrivati sui social migliaia di commenti, in rete sono apparsi i filmati degli incontri piu’ importanti.

Per quasi dieci anni, Marvelous ha battuto tutti i suoi grandi avversari, da Roberto Duran a Thomas Hearns con cui, nell’85, diede vita a uno dei round più entusiasmanti di sempre, il primo: furono tre minuti in cui i due pugili si picchiarono senza pausa, inanellando una serie di ganci e controganci, jab e risposta, condensando in un round i colpi che mediamente due pugili si danno in un intero incontro. Lo spettacolo fu talmente straordinario da far sperare che il gong non arrivasse mai.

“Ho sempre voluto essere qualcuno”, aveva confessato nell’82 in un’intervista a Sport Illustrated. “A baseball – spiegò – volevo giocare come Mickey Mantle o Willie Mays, a basket sarei stato Walt Frazier o Kareem. Nella boxe volevo essere Floyd Patterson o Emile Griffith”. Ma alla fine Marvin Nathaniel Hagler è stato se stesso, uno dei più grandi. Aveva finito per cambiare legalmente il nome in Marvelous.

Nato il 23 maggio ’54, cresciuto a Newark, in New Jersey, dopo le rivolte sociali del ’67 che incendiarono molte città, la madre si trasferì con il figlio a Brockton, in Massachusetts. E’ qui, nella città del pugile Rocky Marciano, che Hagler imparò a boxare, nella palestra guidata dai fratelli italoamericani Pat e Goody Petronelli.

Il giorno Hagler lavorava nel loro cantiere edile, a tre dollari l’ora, la sera si allenava. A 18 anni Hagler conquistò il suo primo titolo, quello di campione nazionale amatori. Poche settimane dopo passò al professionismo. Per anni si allenò isolato dal mondo, sulle dune di Cape Cod, in Massachusetts.

Nel ’79 venne frenato dalla giuria, che assegnò un contestato pareggio nella sfida a Vito Antuofermo. Un anno dopo arrivò la vittoria contro Alan Minter, ma fu il successo su Hearns, al Caesars Palace di Las Vegas, davanti a 16 mila spettatori, a consacrarlo al mondo. Nell’87, contro Sugar Ray Leonard, arrivò la sconfitta che chiuse la carriera di Marvelous, che annunciò il ritiro un anno dopo.

Il bilancio è stato di 62 vinte su 67 incontri, di cui 52 per ko, più tre perse e due pareggiate. Nel ’93 fece il suo ingresso nella Boxing Hall of Fame. Gli ultimi anni li ha vissuti lontano dai riflettori, nella sua casa nel New Hampshire, dove è morto per cause non comunicate dalla moglie. 

Sisal VERIFICA
BONUS BENVENUTO DA 350€
Snai VERIFICA
15€ BONUS FREE + BONUS FINO A 300€
Codere VERIFICA
OFFERTA BENVENUTO SPORT