Come cambia la Champions League: niente gironi e più squadre partecipanti

La Champions 2024 – 2027 non sarà più la stessa. La rivoluzione portata avanti dalla Uefa e per la verità chiesta da più attori protagonisti, sebbene non accontenterà il modello suggerito da alcune grandi squadre, è pronta per essere ufficializzata. 

Le novità rilevanti sono diverse: il numero di squadre partecipanti aumenterà a 36 in luogo delle attuali 32, niente più gironi per come conosciuti oggi e più partite da vedere, per la gioia di broadcaster e società.

Insomma, non sarà la Superlega invocata da qualcuno, ma la Champions si appresta a cambiare radicalmente. 

Champions League 2024-2027: aumentano i partecipanti

Le novità della Champions League 2024-2027 saranno molteplici. La prima, immediata quanto impattante, sarà quella relativa al numero di squadre partecipanti. Dalle 32 odierne, le squadre partecipanti alla Champions League aumenteranno a 36, ben 4 in più.

Ma da dove arriveranno le 4 squadre in più? Per la verità, una risposta univoca quanto dissipatrice non è ancora filtrata. Ma è lecito presupporre un ragionamento: essendo una manovra prettamente economica e non certo votata ad innalzare la qualità calcistica del torneo, men che meno la sua rappresentatività, è presumibile che le 4 squadre in più possano arrivare dai principali campionati europei. 

La Ligue 1 chiede di mandare una squadra in più rispetto alle attuali due qualificate dirette ed una ai preliminari, ma anche la Bundes è chiaramente un campionato in crescita ed a caccia di visibilità. Liga e Premier non sono da meno, e chiedono di poter portare addirittura una quinta squadra.

E la Serie A? Difficile, oggi, che possa fare la voce grossa. La sensazione diffusa è che l’Italia dovrà sapersi accontentare delle attuali quattro squadre. Ma non sono esclusi colpi di scena.  

Champions League 2024-2027: niente più gironi

L’altra novità, diretta conseguenza dell’aumento delle squadre partecipanti, è l’aumento del numero di partite. Non direttamente proporzionale alla presenza di 4 squadre in più, ma alla nuova formula torneistica: non ci saranno più i gironi. 

Nella prima fase della Champions League 2024-2027, le 36 squadre partecipanti saranno inserite in un unico raggruppamento, ma non si sfideranno, ovviamente, tutte tra di loro. Per determinare il calendario verranno stilate 4 fasce in base al ranking Uefa, analogamente a come oggi vengono divise le squadre al momento del sorteggio per i gironi. Ogni squadra giocherà 10 partite, rispetto alle attuali 6: 5 in casa, 5 in trasferta. 

Si delinea così una sorta di mini campionato, con tanto di classifica generale dalla 1.a alla 36.a posizione. La particolarità, per l’appunto, sarebbe però che non tutte le squadre finirebbero per affrontarsi. Come verrebbe stilato il calendario? Ogni squadra affronterà altre 10 squadre. Prendiamo ad esempio una squadra di prima fascia. Queste le squadre che affronterà, secondo l’appena citato modello in fasce:

2 squadre della stessa fascia, la prima
3 squadre della seconda fascia
3 squadre della terza fascia
2 squadre della seconda fascia 

In generale, ogni squadra affronterà due squadre della stessa fascia, mentre le restanti 8 saranno divise equamente tra le fasce rimanenti secondo un semplice modello 3-3-2.

La nuova formula della Champions League 

E una volta stilata la classifica? Al termine della fase a gironi, la nuova formula della Champions League verrà fuori in tutta la sua diversità. Perchè le prime 8 classificate andranno direttamente alla fase successiva, che sarà regolarmente composta da ottavi, quarti e semifinale con modello andata e ritorno, oltre alla solita finale secca. 

Ma le altre 8 saranno determinate in base ad uno spareggio, dunque alla necessità di giocare ancora.

Dalla 9.a alla 24.a posizione le squadre verranno abbinate in modo tale da consentire una sfida andata e ritorno che, premiando i vincitori, vedrà le restanti 8 squadre comporre il tabellone finale. Dalla 25.a alla 36.a in classifica, nel maxi girone iniziale, le squadre verranno semplicemente e direttamente eliminate. 

Il numero di partite che si giocherà nella nuova Champions League 

Naturale conseguenza del nuovo format e obiettivo dichiarato – più o meno velatamente – dai vertici del calcio che conta, la nuova Champions League vedrà aumentare a dismisura il numero di partite giocate. Il numero complessivo delle sole partite disputate tra settembre e gennaio, quello del maxi girone, aumenterà a 180, con una calendarizzazione prevista non solo per i canonici martedì e mercoledì, ma anche per il giovedì. Una mossa necessaria per far spazio all’aumento considerevole di match.

Ad oggi, con 32 partecipanti, le partite totali sono 125, la somma delle 96 dei gironi – 12 partite per 8 gironi totali – alle 29 della fase ad eliminazione diretta. Col nuovo formato della Champions League, alle 180 dei gironi andrebbero sommate le 16 degli spareggi per determinate le restanti 8 del tabellone finale, più le invariate 29 della fase finale stessa, per un totale di 225 partite. 

Questo, ovviamente, impatterà sul numero di partite che una singola squadra disputerà. Nella formula attuale sono 13 le partite necessarie per vincere la Champions: le 6 dei giorni, le restanti 6 fino alla finale oltre alla finale stessa. Nel nuovo format, invece, saranno 17 o 19, a seconda che la squadra in questione debba o meno superare i playoff.  

Betclic VERIFICA
BONUS BENVENUTO FINO A 150€
Snai VERIFICA
15€ BONUS FREE + BONUS FINO A 300€
Sisal VERIFICA
BONUS BENVENUTO DA 350€