Consigli e la costruzione dal basso: “Crea occasioni, con metodo non dà problemi”

La famigerata costruzione dal basso e le nuove responsabilità del portiere anche in fase di impostazione: ne parla Andrea Consigli intervistato dalla Gazzetta dello Sport. Il portiere del Sassuolo racconta come è cambiato il suo modo di giocare con De Zerbi.

Sassuolo, Consigli: cercare il passaggio già dal portiere

“Il nuovo ruolo del portiere? Con la palla, il primo attaccante. Senza, l’ultimo difensore. Sono cresciuto nell’idea che il portiere deve parare, e ci si allenava per quello. Il gioco con i piedi solo per i rinvii: era un calcio diverso. Quando sono arrivato a Sassuolo, già con Di Francesco, che pure giocava un calcio diverso, c’era la ricerca del passaggio e della palla morbida a terzini e mezze ali. Con De Zerbi sono diventato un giocatore di movimento”.

Consigli, la costruzione dal basso come risorsa

“A essere sincero, in tre anni mi ricordo al massimo tre o quattro gol presi così: un con il Bologna perché a Magnanelli rimase palla sul piatto forse Chiriches con l’Inter ma mai una roba diretta. A noi non è mai capitato un gol come quello del Porto alla Juve in Champions… E invece mi ricordo tantissime occasioni create costruendo dal basso. Poi è vero che tante squadre costruiscono male e lì allora prendono gol. Noi abbiamo De Zerbi che ti dà un metodo, un concetto, non abbiamo giocate codificate. Altri invece sì e quando l’avversario ti studia bene ti può disinnescare. Poi abbiamo altri problemi, ma sulla costruzione dal basso facciamo scuola”.

Betfair VERIFICA
10€ AL DEPOSITO + €200 DI BENVENUTO
Snai VERIFICA
15€ BONUS FREE + BONUS FINO A 300€
888 VERIFICA
100€ Bonus Benvenuto