Cosa è successo nella notte in cui è stata sospesa la NBA

Il coronavirus ferma anche la NBA

Il massimo campionato cestistico americano registra nella notte il primo caso di COVID-19 di un suo giocatore e, in meno di un’ora dalla notizia, sospende l’intera stagione

Rudy Gobert, centro degli Utah Jazz e della nazionale francese, è risultato positivo al tampone mentre la sua squadra era in trasferta a Oklahoma City per la sfida contro i Thunder di Danilo Gallinari

La notizia della positività è arrivata intorno alle 2

30 del mattino in Italia mentre i giocatori erano in campo per il riscaldamento e con la Chesapeake Energy Arena gremita da tifosi prima festanti e poi increduli

Alle partite dei Thunder, infatti, si resta in piedi fino al primo canestro della squadra di casa

I 18 mila presenti hanno atteso quel momento vanamente perché quella palla a due, in mezzo al campo, non sarebbe mai stata alzata

“A causa di circostanze impreviste, la partita è stato rinviata”

L’annuncio dello speaker è stato sostituito prima dai fischi delle tribune e poi dalle voci che iniziavano a raccontare della positività di Gobert

 

Al momento dello stop l’atleta transalpino si trovava in albergo

Evan Fournier, suo compagno di nazionale e giocatore degli Orlando Magic, ha comunicato attraverso un tweet di averlo sentito e di aver appreso che le sue condizioni di salute sono attualmente buone e stabili

L’emittente Espn, citando il comunicato ufficiale rilasciato dai Jazz, ha spiegato come Gobert presentava nelle ultime ore “influenza e mal di gola”

I sintomi “si sono attenuati nella giornata di mercoledì tuttavia, in misura precauzionale e’ stata presa la decisione di fare il test per il COVID-19”

Un test che ha dato poi esito positivo

Il lungo francese (alto 2,15 metri), 27 anni, lunedi’ e’ stato anche protagonista di un siparietto con i giornalisti durante una conferenza stampa quando, parlando del rischio coronavirus negli Stati Uniti, aveva toccato con le mani tutti i microfoni e i registratori dei cronisti, prima di lasciare in maniera rapida la sala

Un gesto goliardico che, ad oggi, è apparso irresponsabile e potrebbe aver provocato danni tra gli addetti ai lavori

NBA is suspending its season “until further notice” after Rudy Gobert of Jazz reportedly contracted the <a href="https://twitter

com/hashtag/coronavirus?src=hash&ref_src=twsrc%5Etfw”>#coronavirus

What has make it worse is that he deliberately touched all the mics a few days ago during a press briefing to tell the public that the disease was not a big deal

<a href="https://t

co/sSd97adIxr”>pic

twitter

com/sSd97adIxr

— Ezra Cheung (@ezracheungtoto)
<a href="https://twitter

com/ezracheungtoto/status/1237988558054383616?ref_src=twsrc%5Etfw”>March 12, 2020

Oltre ai Thunder, sono cinque le squadre NBA che hanno affrontato i Jazz negli ultimi 10 giorni e che hanno avviato la procedura dell’auto-isolamento per i propri tesserati: Cleveland Cavaliers, New York Knicks, Boston Celtics, Detroit Pistons e Toronto Raptors

La squadra canadese ha comunicato che i suoi giocatori sono stati portati in ospedale e sottoposti a tampone visto l’incontro disputato nella giornata di lunedi’ proprio contro la franchigia di Salt Lake City

Poche ore dopo è arrivato anche il secondo caso

Si tratta della stella degli Utah Jazz, Donovan Mitchell, compagno di squadra di Rudy Gobert, il primo giocatore della Lega a essere stato contagiato

A rivelarlo è l’emittente televisiva Espn che ha sottolineato, citando fonti interne alla squadra, come Gobert “abbia mostrato un atteggiamento sprezzante nei confronti del virus toccando negli spogliatoi i suoi compagni e le loro cose”

Mitchell, 23 anni, è considerato uno dei giocatori più forti dell’intera Lega, capace di segnare oltre 20 punti di media a partita nei suoi primi due anni in Nba

Nel suo curriculum anche 13 presenze con la maglia della nazionale americana di pallacanestro

Non è ancora chiaro se e quando si potrà tornare a giocare in NBA ma novità sono attese tra oggi e domani da parte del Commissioner Adam Silver

Nel comunicato ufficiale si legge che la Lega “utilizzerà questa pausa per valutare i prossimi passi da intraprendere in relazione alla pandemia da Coronavirus”

Sospeso anche il campionato di sviluppo, la G-League, mentre si aspettano novità per il torneo universitario (NCAA) molto seguito negli Usa, che avrebbe dovuto disputarsi a porte chiuse la prossima settimana e che invece potrebbe ricevere altresì uno stop forzato e definitivo

Il calendario, del resto, non lascia molto spazio ai recuperi

La data di partenza dei playoff è fissata per il 18 aprile, quella delle “Finals” il 4 giugno

Il draft (giorno delle scelte dei giocatori che si sono dichiarati eleggibili per la NBA, provenienti soprattutto da High School, College o Europa) è previsto il 25 dello stesso mese

Sul proseguo regolare della stagione, insomma, resta un grande dubbio

Su Twitter e su Instagram, nel frattempo, si sono moltiplicati i messaggi dei giocatori più rappresentativi della Lega che hanno invitato i fan a stare attenti e a salvaguardare la propria salute

Molti campioni hanno voluto inoltre rendere omaggio a Vince Carter, l’atleta che battendo ogni record stava giocando la sua ventiduesima stagione Nba

Carter in conferenza stampa si è commosso all’ipotesi che la sua carriera potesse finire cosi’, per colpa di un virus che anche negli Stati Uniti inizia a fare molta paura

“Game’s been good

Vince Carter got teary-eyed when discussing potentially playing his final game

<a href="https://t

co/a2WFp8kBDm”>pic

twitter

com/a2WFp8kBDm

— SportsCenter (@SportsCenter)
<a href="https://twitter

com/SportsCenter/status/1237958525621620736?ref_src=twsrc%5Etfw”>March 12, 2020

È stato però LeBron James, leader dei Los Angeles Lakers, a descrivere con un tweet cosa si sta vivendo al di là dell’oceano e, soprattutto, all’interno dei 30 spogliatoi delle franchigie: “Quello di cui abbiamo bisogno è di cancellare il 2020”

Sì, perché lo stop della stagione arriva un mese e mezzo dopo la morte inaspettata e dolorosa di una leggenda come Kobe Bryant

Un doppio gancio dritto sul mento in grado di mandare al tappeto chiunque

Anche una Lega professionistica potente e ben organizzata come la NBA

PlanetWin B VERIFICA
BONUS DI BENVENUTO: 365€
Williams2021 VERIFICA
215€ Bonus Benvenuto 15€ Subito + 200€
FantasyTeam VERIFICA
BONUS BENVENUTO DEL 50% FINO A 25 EURO