Eriksson: “Italia tra le favorite per l’Europeo. Su Ibrahimovic…”

Sven-Goran Eriksson a 360 gradi. L’ex allenatore – tra le altre – di Lazio, Roma e Sampdoria ha parlato a “TMW” di diversi temi caldi a livello personale e non sulle Nazionali e sui protagonisti del calcio italiano. Di seguito i passaggi principali.

 

Sul ritorno in Nazionale di Ibrahimovic

“A dir la verità non mi sorprende. Zlatan è unico, stupisce sempre sia a livello di club che di Nazionale. Col Milan sta facendo una stagione fantastica, quindi perché fare a meno di lui nella Svezia? Ibra, a quasi 40 anni, resta indubbiamente il calciatore svedese più forte di tutti. Se lo avrei convocato anche io? Assolutamente sì. Sono pienamente d’accordo con questa convocazione, anche se non spettava certo a me la decisione del ritorno o meno di Ibra in Nazionale”.

Su Kulusevski

“Kulusevski è veramente un gran bel prospetto di giocatore. Non mi sono piaciuti i paragoni con Nedved o le tante critiche al suo indirizzo, Dejan è un calciatore molto giovane che avrà un grande futuro ma che va lasciato crescere. Apprezzo particolarmente lui e Isak della Real Sociedad, tra le promesse emergenti del calcio svedese”.

Sulla Juventus

“Non so cosa le stia mancando, ma questa Juve mi sembra così così… Col Benevento ha perso tre punti importantissimi nella corsa Scudetto e, al contempo, l’Inter di Conte è la squadra più forte in Italia quest’anno”.

Sulla Lazio

“La Lazio di oggi è fuori dai giochi per il titolo, anche se sta comunque lottando per un posto in Europa tra Champions ed Europa League. Non sarà facile, visto che ci sono tante squadre in ballo: dall’Atalanta alla Roma fino al Napoli, che mi è sembrato in netta ripresa ultimamente”.

Su Inzaghi

“Simone non è più una sorpresa, parliamoci chiaro. Mi sta piacendo molto anche il lavoro di suo fratello Pippo al Benevento, non solo per la storica vittoria contro la Juventus a Torino. Entrambi hanno sempre vissuto di e per il calcio, se lo meritano”.

Su Mancini

“Già 30 anni fa avrei detto che sarebbe diventato un grandissimo allenatore. Lo ricordo alla Sampdoria: seguiva davvero ogni cosa, ogni dettaglio. E oggi vi dico che la sua Italia è una delle favorite per vincere il prossimo Europeo”.

Sisal VERIFICA
BONUS BENVENUTO DA 350€
Betfair VERIFICA
10€ AL DEPOSITO + €200 DI BENVENUTO
Codere VERIFICA
OFFERTA BENVENUTO SPORT