Inter, Conte: “Ho dato tutto. Stresso l’ambiente? Chiedetelo ai calciatori che mi rimpiangono”

L’Inter, dopo la vittoria dello Scudetto, si trova a dover ripartire quasi da zero dopo l’addio di mister Antonio Conte e l’arrivo di Simone Inzaghi. Proprio l’ex allenatore nerazzurro è intervenuto ai microfoni della Gazzetta dello Sport per analizzare il suo addio al club milanese e l’inizio di Euro2021. Ecco le sue parole:

Conte sull’addio all’Inter

«Una sensazione particolare, non posso negarlo. Fino a pochi giorni fa stavamo festeggiando lo scudetto. Ma il velo di tristezza e di malinconia è stato immediatamente sostituito dalla enorme soddisfazione di incontrare tanti tifosi che per strada mi dimostrano affetto, stima e gratitudine: il loro dispiacere e quel “grazie mister” che mi viene continuamente rivolto, vale per me quanto uno scudetto. È la consapevolezza della gente di cosa è stato fatto, di quanto impegno e dedizione ho messo in questi anni, dell’enorme lavoro svolto insieme per riportare club, squadra e tifosi dove meritavano di stare. Ho dato davvero tutto, la gente lo sa…».

Conte sul rapporto con i calciatori

«Non voglio fare il populista, ma lasciamo lo stress a chi deve portare il pane a casa e non ce la fa. Prima le ho confessato la soddisfazione che provo quando i tifosi per strada mi dicono “grazie mister”, beh è pari a quella che mi dimostrano i miei giocatori quando ci lasciamo, sia quelli che sono stati protagonisti in campo sia quelli che magari hanno giocato poco ma sentono di essere cresciuti e migliorati. È stressare l’ambiente questo?».

Conte su Mancini

«Roberto Mancini sta facendo un grandissimo lavoro, non lo dicono solo i risultati: è riuscito a creare un gruppo convinto, entusiasta, coeso. Un collettivo che ci crede e dà tutto. Non è semplice».

Conte sui talenti dell’Italia

«Ci sono singoli con qualità importanti. Ma ripeto il concetto precedente: se funziona il collettivo allora si esalta il talento. L’abilità di Insigne nel saltare l’uomo, gli strappi di Chiesa e Berardi, gli inserimenti di Barella, la forza dei centrali Bonucci e Chiellini che restano una garanzia, la reattività e lo strapotere atletico di Donnarumma uno dei tre migliori portieri al mondo».

Conte su Euro2021

«Questo Europeo itinerante è molto simbolico. Spero rappresenti attraverso lo sport una vera ripartenza per tutti i Paesi. So cosa ha significato giocare un anno e mezzo con il rimbombo della propria voce, nel deserto. Il calcio non è solo la partita di chi scende in campo, ma vive attraverso la passione e l’entusiasmo della gente».

Starcasino VERIFICA
BONUS MULTIPLA FINO A 300%
Codere VERIFICA
OFFERTA BENVENUTO SPORT
Betfair VERIFICA
10€ AL DEPOSITO + €200 DI BENVENUTO