Wanda Nara: “Icardi aveva già dato la sua parola al Psg. Ma in Italia…”

Icardi al Psg: queste le parole di Wanda Nara

Wanda Nara parla a 360° in una lunga intervista concessa alla rivista argentina Gente, ha parlato del trasferimento del marito (ma anche proprio assistito) al Paris Saint Germain per 50 + 7 milioni di euro. Queste le sue dichiarazioni.

Su Icardi al Psg

Avevamo già dato la nostra parola, il club sapeva della nostra intenzione di rimanere a Parigi. Forse il merito è di aver completato l’acquisto nel bel mezzo di una pandemia”.

Sulle varie trattative

“Ogni volta che mi sono seduta a trattare con i manager, l’ho fatto sapendo cosa vuole Mauro e come, quali club gli piacciono e quali non gli piacciono. Conosco i suoi sogni e dove vuole andare. E’ il vantaggio che ti danno tanti anni di estrema sicurezza. Ci sono cose che non gli chiedo nemmeno, perché so benissimo quale sarà la sua risposta. Abbiamo fatto una bella coppia: lui fa la sua parte e io la mia. E’ sempre felice. E’ molto facile essere la manager di un giocatore come Mauro. Non sto dicendo che chiunque possa esserlo, perché bisogna essere consapevoli di questioni tecniche, tasse, leggi… Ma si vende già da solo. E’ facile accompagnare la carriera di un calciatore così“.

Sull’essere agente di Icardi

Mauro è tutto l’opposto del maschilismo, è favorevole alla donna indipendente, ammira la donna che lavora e difende i suoi diritti. E’ per questo che occupo questo posto. Che in un mondo tanto machista come il calcio, per il quale le donne possono solo occupare un posto dietro i piatti sporchi, il fatto che abbia il coraggio di dire ‘dovete parlare con mia moglie‘ la dice lunga sulla sua sicurezza. A vent’anni, questa situazione era inimmaginabile. 

Fortunatamente, il mondo sta facendo progressi su questo fronte: le donne sono viste in modo diverso. L’Europa è molto indietro rispetto all’Argentina… Spero che continui ad evolversi. Ho due figlie femmine e voglio che siano rispettate e capaci di essere felici nella vita. E se sceglieranno di essere modelle, le accompagnerò, che ha fatto mia madre con me e Zaira. Per esempio, quest’anno Francesca ha debuttato nella Fashion Week e molti mi hanno detto: “E’ molto piccola”. 

Sul modo di trattare e sull’Italia

All’inizio a volte avrebbero potuto sottovalutarmi, ma al quinto anno mi mostrano solo rispetto e mi trattano alla pari. Con tutti i presidenti con cui mi sono riunita, al momento della chiusura delle trattative – qualunque fosse il risultato-, c’è sempre stato un cordiale appello: “Questa volta non è successo, ma chissà domani…” . 

Il rapporto con loro è così buono che ogni Natale mi scrivono e ci scambiamo gli auguri. Se un giocatore vede che la sua famiglia è felice e a suo agio in un posto, è molto più facile mettere la firma. Io, che vivevo in dodici città, di solito mi adattavo molto facilmente. Dico sempre che una volta che lasci la tua casa e il tuo paese, qualsiasi posto farà lo stesso. La tua casa sarà sempre la tua famiglia. Avremo una nuova vita a Parigi. Ma non lasceremo le nostre tre case in Italia (una in zona San Siro a Milano, una in centro vicino alla sede dell’Inter e una sul lago di Como, ndr)”.

Icardi (Getty Images)

888 VERIFICA
100€ Bonus Benvenuto
Snai VERIFICA
15€ BONUS FREE + BONUS FINO A 300€
Betfair VERIFICA
10€ AL DEPOSITO + €200 DI BENVENUTO