Ricevi notizie sportive per delle giocate online straordinarie!

L’espulsione di Djokovic diventa un incidente diplomatico

Novak Djokovic non prenderà parte all’Australian Open. Alla fine ha vinto l’intransigenza delle autorità australiane e ha perso lo sport. La mancata partecipazione al torneo del tennista numero uno al mondo di certo non sarà privo di conseguenze, soprattutto sul piano economico e politico.

Le ripercussioni economiche dell’assenza di Djokovic all’Australian Open

I diritti televisivi pagati a caro prezzo e la ricca partecipazione degli sponsor della competizione, non avrà come contropartita la visibilità sperata. Quanti avrebbero seguito la competizione solo perché avrebbe dovuto esserci Nole a scendere in campo? Di sicuro in tanti! Saranno tantissimi anche i tifosi del tennista serbo che boicotteranno l’Australian Open, con enormi ripercussioni economiche.

Si parla anche del danno d’immagine, che a ben vedere, non ha toccato Djokovic, bensì le autorità della terra dei canguri. L’azione di forza da parte delle autorità ha dimostrato che le lunghe mani della politica possono con un colpo di spugna gettare lunghe ombre sul mondo dello sport.

Non mancano le ripercussioni politiche

Anche sul piano politico si è creata una situazione tutt’altro che rosea, visto che la Serbia non ha per niente digerito il trattamento riservato a Djokovic da parte delle autorità australiane. Il presidente serbo ha avuto parole tutt’altro che concilianti e ha parlato apertamente di maltrattamento ai danni del campione di tennis.

L’incidente diplomatico è dunque servito. Col suo gesto deciso e provocatorio, Nole ha dimostrato la natura repressiva e antisportiva delle autorità australiane, che hanno voluto punire il serbo solo perché contrario alla vaccinazione obbligatoria.

Il sostegno da parte dei numerosi australiani sotto la finestra di Djokovic, ha mostrato però che c’è anche un’altra Australia, fatta da tifosi e amanti dello sport, ma anche da persone comuni che hanno a cuore il rispetto del libero arbitrio in materia di salute.