Benevento, Viola: “Il rinnovo non è un problema, voglio dare una mano”

Nicolas Viola, centrocampista del Benevento, ha parlato nel corso di un’intervista concessa alla Gazzetta dello Sport. Il calciatore è tornato in campo dal 1′ dopo un lungo infortunio, nel corso della gara contro il Torino.  

Benevento, intervista a Viola

L’intervista a Viola dopo la sua prima gara in Serie A in questa stagione contro il Torino.

Rinnovo?

«Voglio sperare che non sia un problema. Già un’altra volta con il presidente Vigorito e il direttore Foggia abbiamo trovato l’accordo in pochi minuti. Sono in scadenza a giugno. Non ho mai pensato di andar via dal Benevento. Vorrei ancora dare una mano a questa squadra, anche da mezzala, non necessariamente davanti alla difesa, a questo gruppo super che sta continuando con Inzaghi il bellissimo lavoro dello scorso campionato».

Intanto ha ricominciato a giocare e segnare.

«Venerdì è stata una giornata incredibile. Non mi ero allenato tanto. Sono andato in campo e ho tirato il rigore. Sono tranquillo quando vado a calciare di sinistro. I portieri prima erano meno predisposti ai mancini, ora studiano. Peccato non aver vinto, ma il Torino è una gran squadra».

È rimasto fermo da marzo. Non facile, eh. Fino a quel punto in Serie B aveva fatto 9 gol, alcuni su punizione.

«Ho fatto una pulizia del menisco, poi ho sentito dei fastidi muscolari e mi sono fermato. Le punizioni mi piace calciarle e a giro. Vorrei arrivare anche alla”Maledetta” di Pirlo. Ci sto provando, in questo modo hai più possibilità: collo, tre dita o interno piede».

Viola parla dei suoi idoli

Lei che idoli aveva?

«Recoba, Riquelme e Redondo. Volevo fare il calciatore, viaggiavo da Taurianova a Reggio e non è poco».

Perché gioca col 10?

«Perché è un numero che mi dà responsabilità. Sono convinto di poterlo portare».

Ci spiega perché ha tutti questi tatuaggi?

«Mi piacevano già da prima. Ero chiuso, timido, silenzioso, un calabrese vero. E pensavo che il modo per esprimermi fosse quello».

Sabato l’esame Inter a San Siro. Chi la impressiona?

«Lukaku: fa la differenza. E la loro struttura fisica».

888 VISITA
100 Euro Bonus benvenuto sulla prima ricarica
Skybet VISITA
BONUS DI BENVENUTO DI 10 EURO SULLA PRIMA SCOMMESSa
Starcasino VISITA
BONUS SCOMMESSE DA 375 EURO PER TE