Ricevi notizie sportive per delle giocate online straordinarie! stoccarda vittoriose e seconde insieme

Il Bayern si rialza in casa: niente festa Leverkusen. Ok Lipsia e Dortmund

BAYERN MONACO-COLONIA 2-0

Ritorna al successo il Bayern Monaco, 2-0 all’Allianz Arena contro il Colonia. Nella prima frazione di gioco il dominio dei bavaresi è totale: dopo un avvio graduale la squadra di Tuchel costruisce azioni offensive in continuità, sfiorando più e più volte il gol del vantaggio. Poco dopo la mezzora, al 34′, Kane flirta con l’1-0, ma la sua girata di destro si stampa sul palo, a portiere battuto. La sfortuna dei padroni di casa torna protagonista anche al 43′, questa volta è Tel a colpire l’incrocio dei pali da fuori area. Il primo tempo tramonta a reti bianche, con il Colonia che si salva e tiene lo 0-0. Nella ripresa il Bayern continua a spingere, e poco dopo l’ora di gioco riesce a stappare la partita: al 65′ sinistro a girare perfetto di Guerreiro, che si insacca alle spalle di Schwabe, sul palo lontano. Nei minuti restanti i bavaresi amministrano il vantaggio, praticamente senza mai rischiare il pareggio. Nei minuti di recupero Thomas Muller mette in cassaforte la gara, con il raddoppio di Muller al 93′ dopo un doppio pasticcio della difesa avversaria. Vince il Bayern Monaco 2-0 e sale a 63 punti, con il titolo ormai andato ma con un secondo posto da difendere. Notte fonda per il Colonia, penultimo a 22 punti e a -4 dalla zona play-out.

BORUSSIA MÖNCHENGLADBACH-BORUSSIA DORTMUND 1-2

Vittoria importante per il Borussia Dortmund, 2-1 in trasferta in casa del Borussia Mönchengladbach. Terzic perde subito Haller per infortunio, ma i gialloneri dominano in lungo e in largo nella prima frazione di gioco. Verso la metà del primo tempo si scatena Sabitzer, con un uno-due micidiale: al 22′ firma il gol del vantaggio su assist di Schlotterbeck, e sei minuti più tardi trova il raddoppio su calcio di rigore. A pochi minuti dall’intervallo i padroni di casa accorciano le distanze: al 36′ Honorat pesca Wober, che batte Kobel e sigla il 2-1. Il primo tempo si chiude con gli ospiti avanti di un gol. Al rientro in campo dopo l’intervallo il vero protagonista (in negativo per il Dortmund) è Karim Adeyemi: l’attaccante tedesco commette il fallo che comporta la seconda ammonizione al 55′, lasciando in inferiorità numerica la squadra di Terzic. Nonostante oltre quaranta minuti di superiorità numerica gli uomini di Seoane non riescono a strappare il pareggio, con gli ospiti che si difendono come possono ma evitano il 2-2. Con questa vittoria per 2-1 il Borussia Dortmund sale a 56 punti in classifica, sempre appaiato a 56 insieme al Lipsia al quarto (e quinto) posto. Fermo a 31 il Mönchengladbach, in undicesima posizione.

RB LIPSIA-WOLFSBURG 3-0

Tris del Lipsia, che batte il Wolfsburg 3-0 alla Red Bull Arena. Ottima partenza dei biancoverdi, con una pressione molto forte che impedisce ai padroni di casa di imporre il proprio ritmo. Nel miglior momento dei Lupi però, i Bullen riescono a colpire: al 13′ Schlager apparecchia per l’1-0 di Dani Olmo. La gara si innervosisce dopo il vantaggio dei padroni di casa, con quattro ammonizioni (tre delle quali degli ospiti). Il Lipsia preme forte sull’acceleratore in chiusura di primo tempo, che termina però con una sola lunghezza di differenza tra le due squadre. All’inizio dei successivi quarantacinque minuti gli uomini di Hassenhuttl provano a mettersi in moto per cercare il pari, ma al 68′ cadono di nuovo sotto i colpi dei giovani terribili del Lipsia: contropiede fulmineo avviato da Xavi Simons e finalizzato con il sinistro da Benjamin Sesko. Dopo il secondo gol subito i Lupi non trovano più le energie per accorciare le distanze, e all’81’ crollano definitivamente con il tris targato Lois Openda. Vince il Lipsia 3-0 e tocca quota 56 punti in classifica, a braccetto con il Borussia Dortmund tra la quarta e la quinta posizione. Rischia ora il Wolfsburg, quattordicesimo a 28 punti e solo a +2 sulla zona play-out.

MAINZ-HOFFENHEIM 4-1

Colpo importante in ottica salvezza per il Mainz, 4-1 in casa contro l’Hoffenheim. I biancorossi gestiscono il possesso del pallone nei primi quarantacinque minuti, stabilmente nella metà campo avversaria. Gli uomini di Henriksen tentano più volte la conclusione, sia all’interno dell’area di rigore che da fuori. Nel miglior momento del Mainz, sono però gli ospiti a colpire: al 19′ Kramaric crossa per l’incornata vincente di Kaderabek, che fa 1-0. La squadra di Matarazzo soffre tanto in chiusura di primo tempo, ma riesce comunque a rimanere avanti di un gol al termine dei primi quarantacinque minuti. Al rientro in campo dopo l’intervallo il Mainz ribalta il risultato nel giro di pochissimi minuti: al 47′ Burkardt riporta l’incontro in equilibrio con il colpo di testa dell’1-1, e quattro minuti più tardi Mwene completa la rimonta con una sassata di destro da fuori area. Al 63′ la squadra di Henriksen mette la partita in cassaforte, con Burkardt che inventa per il 3-1 di Gruda. Nel finale c’è spazio anche per Onisiwo, che all’88’ firma il poker e mette il punto esclamativo al successo dei biancorossi. Con questo 4-1 il Mainz sale a 26 punti in classifica, staccando il Colonia e continuando a sperare nella salvezza diretta (avvicinate Bochum e Wolfsburg). Fermo a 36 punti l’Hoffenheim, in ottava posizione.

BOCHUM-HEIDENHEIM 1-1

Pareggio pericoloso per il Bochum, che si salva però nel finale nell’1-1 casalingo contro l’Heidenheim. Nel primo tempo i padroni di casa cercano di imporre il loro ritmo, ma le occasioni da gol latitano. La squadra di Schmidt resta compatta senza scoprirsi, limitandosi a contenere l’impeto avversario. Il primo tempo si chiude a reti bianche, con le emozioni del match che iniziano a nascere solamente nel corso della ripresa: pochi minuti dopo l’ora di gioco i biancoblù stappano la partita, ma la rete di Asano viene annullata dopo controllo al Var. Nel miglior momento del Bochum è però l’Heidenheim a passare in vantaggio: all’81’ la sfortunata autorete di Keven Schlotterbeck (fratello del difensore centrale del Dortmund) porta in vantaggio gli ospiti, con meno di dieci minuti (più recupero) da giocare. Gli uomini di Butshcer non mollano, e al 90′ riescono a strappare l’insperato pareggio: è proprio Schlotterbeck l’eroe dei padroni di casa, con l’incornata vincente dell’1-1 sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Con questo pari il Bochum sale a 27 punti in classifica, pericolosamente quindicesimo e soltanto a +1 sul Mainz (nello slot della zona play-out). Tocca quota 34 punti l’Heidenheim, vera sorpresa del campionato, in decima posizione.

STOCCARDA-EINTRACHT FRANCOFORTE 3-0

Lo Stoccarda fa sul serio per il secondo posto, tris all’Eintracht Francoforte e aggancio immediato al Bayern Monaco. Primo tempo perfetto per i padroni di casa, che indirizzano la sfida fin dalle primissime battute: all’11’ Stiller appoggia al limite dell’area per Guirassy, che fa partire il destro secco vincente per l’1-0 (gol convalidato dopo check al Var). Passano soltanto sei minuti e gli uomini di Hoeness raddoppiano: al 17′ è il turno di Undav, con il diagonale del raddoppio. Gli ospiti non accennano la minima reazione, e verso la fine del primo tempo arriva anche il tris: al 37′ Leweling calcia da una posizione molto simile rispetto a quella di Undav, bucando Trapp per la terza volta nella gara. L’Eintracht è alle corde, e al termine della prima frazione di gioco insegue di tre lunghezze. I ritmi della ripresa sono piuttosto bassi: i rossoneri gestiscono maggiormente il possesso palla per provare a costruire una rimonta, ma gli Svevi sono ben organizzati e compatti. I padroni di casa gestiscono il cronometro e il ritmo fino alla fine della partita, rischiando qualcosa soltanto nel forcing finale della squadra allenata da Toppmoller. Vince lo Stoccarda 3-0 e sale a 63 punti in classifica, rispondendo subito al Bayern Monaco e riagganciandolo in seconda posizione. Fermo a quota 42 punti l’Eintracht Francoforte, isolato in sesta posizione.