Ricevi notizie sportive per delle giocate online straordinarie! salah ribalta de zerbi liverpool

Salah ribalta De Zerbi, Liverpool in vetta da solo

LIVERPOOL-BRIGHTON 2-1
Basta poco più di un minuto di gioco agli uomini di De Zerbi per sbloccare la sfida di Anfield: Adingra scappa sulla fascia sinistra e mette in mezzo per Welbeck, che viene favorito dal rimpallo con Van Dijk e fulmina Kelleher col destro. La risposta dei Reds viene firmata dal solito Salah, prima impreciso da buona posizione e poi decisivo al 27′, innescando con una spizzata Luis Diaz sugli sviluppi di un corner per la rete del pareggio. Il primo tempo scorre senza ulteriori sussulti e si chiude sul risultato di parità. MacAllister ha la ghiotta chance per completare la rimonta in avvio di ripresa, ma il suo colpo di testa su cross di Gomez non trova lo specchio. Il predominio del Liverpool produce il 2-1 al 65′ con la marcatura dell’egiziano, letale col mancino su perfetto passaggio proprio del campione del mondo. Il colombiano cala il tris pochi minuti dopo su contropiede, ma il gol viene annullato per fuorigioco. I Seagulls provano a reagire, i padroni di casa spingono per chiuderla con Salah (grande parate del portiere avversario) ma la sfida finisce così: questo successo porta la formazione di Klopp a quota 67 punti in classifica, il Brighton resta a 42.

MANCHESTER CITY-ARSENAL 0-0
Chi si aspetta gol e spettacolo tra due delle squadre più spettacolari d’Europa resta più che deluso: all’Etihad finisce soltanto 0-0 tra Manchester City ed Arsenal, che fanno il gioco del Liverpool ora primo. Le occasioni ci sono, anche se non sono tantissime: si parte con Gabriel Jesus che manca lo specchio su assist di White, mentre i campioni in carica ci provano con Aké, ma Raya è attento. Poco dopo, l’olandese si fa male e Guardiola deve inserire Rico Lewis. Prima dell’intervallo, sono Rodri e Haaland ad essere imprecisi, mentre è ben più pericoloso ad inizio ripresa Kovacic. Allo scoccare dell’ora di gioco, ecco i primi cambi, con il City che inserisce Doku e Grealish per Foden e Kovacic, mentre Arteta inserisce Partey e Tomiyasu per Jorginho e Kiwior, mentre al 72′ tocca a Trossard. Sarà proprio il belga a spaventare Ortega nel finale, ma lo 0-0 di partenza non cambia. Finisce con il City terzo a quota 64, a -3 dal Liverpool, mentre un punto sopra c’è l’Arsenal, che si ferma dopo ben otto vittorie consecutive in campionato. Guardiola, invece, raccoglie solo due punti negli scontri diretti con le dirette concorrenti per il titolo: dopo l’1-1 di Anfield coi Reds, il pareggio a reti bianche con i Gunners.

RISULTATI E CLASSIFICHE