Ricevi notizie sportive per delle giocate online straordinarie! var laudio dellespulsione di krstovic

A Open VAR l’audio dell’espulsione di Krstovic in Milan-Lecce: “Come rosso?”

“Rosso? Come rosso? Ha fatto rosso, eh. Ha fatto rosso – prosegue l’audio una volta notata la decisione di Massimi – Ah, ha fatto rosso? Allora va bene dai. Non avevo visto il colore del cartellino, poi non parla…”. E poi ancora: “Confermiamo assolutamente. Sì, sì, assolutamente, certo, certo. Check completato, rosso confermato”.

A spiegare la particolarità dell’episodio in studio c’è Dino Tommasi, componente CAN: “L’Avar Valeri pensava fosse giallo dalla luminosità della telecamera. E’ un intervento che può essere grave fallo di gioco, prova a giocare il pallone ma c’è una gamba tesa, c’è intensità”.

Cosa dice il regolamento? “Un tackle o un contrasto che mette in pericolo l’incolumità di un avversario o commesso con vigoria sproporzionata o brutalità deve essere sanzionato come grave fallo di gioco. Qualsiasi calciatore che, in un contrasto per il possesso del pallone, colpisca un avversario da davanti, di lato o da dietro, utilizzando una o entrambe le gambe, con vigoria sproporzionata o che metta in pericolo l’incolumità di un avversario, si rende colpevole di un grave fallo di gioco”.

Un episodio simile a quello di San Siro c’è stato anche il Frosinone-Bologna, ma Saelemaekers è stato punito solo col cartellino giallo e il Var Valeri, ancora lui, è stato molto rapido nel confermare il colore del cartellino: “Sta facendo giallo, fammi rivedere. Daniele, il giallo è confermato”.

La spiegazione di Tommasi: “Non c’è intensità, Saelemaekers sfiora Zortea, Orsato giustamente estrae il giallo, c’è solo uno sfioramento, si derubrica da grave fallo di gioco a imprudenza”.