Ricevi notizie sportive per delle giocate online straordinarie! il muro del monza regge

Il muro del Monza regge: il Bologna frena ancora nella corsa Champions

LA PARTITA
Il Bologna getta al vento l’occasione di rifarsi sotto alla Juventus e di tenere a debita distanza Roma e Atalanta, le due più agguerrite inseguitrici. In una serata in cui ha brillato solo la stella di Orsolini, Thiago Motta paga la giornata no di Ferguson, Urbanski e in parte anche di Zirkzee, sempre bello esteticamente quando ha la palla tra i piedi, ma troppo lontano dalla porta. E i suoi gol ai felsinei servono come il pane per continuare a cullare il sogno Champions League. In casa Monza, invece, una grande gara di sacrificio, il solito Di Gregorio sempre attento ma davanti si è fatto troppo poco per sperare in qualcosa di più, viste le due occasioni in 90′ (Djuric e Colpani).

Thiago Motta deve fare a meno dello squalificato Saelemaekers: Urbanski vince il ballottaggio con Ndoye. In difesa rientra dopo l’infortunio Beukema: gli lascia il posto Calafiori. Palladino deve fare a meno dell’infortunato Dani Mota: gioca Zerbin, con Djuric punta più avanzata. Centrocampo muscolare con Bondo e Akpa Akpro. Il ritmo al Dall’Ara è subito alto, ma per la prima occasione bisogna aspettare il 20′: punizione di Orsolini da posizione defilata, Di Gregorio alza sopra la traversa. Da questo momento il Bologna comincia a premere, soprattutto sulla fascia destra con un Orsolini scatenato. Dopo un paio di corner che creano un po’ di scompiglio in area brianzola, l’attaccante azzurro va via a Carboni e si accentra, grande sinistro a giro con Di Gregorio che si salva in angolo. Il Monza prova ad allentare la pressione e si fa pericoloso al 28′, con Carboni che crossa dal fondo, deviazione ravvicinata di Djuric e Skorupski si salva d’istinto. Finale di tempo ancora di marca felsinea con Orsolini a creare sempre pericoli: al 37′ dal fondo riesce a mettere a centro area sull’uscita di Di Gregorio, ma nessun compagno è pronto alla conclusione vincente; poi il solito corner insidioso su cui si avventa Ferguson, la cui girata è larga di poco.

A inizio ripresa il Monza spaventa Skorupski: Zerbin sul secondo palo per Colpani, sforbiciata al volo che termina alta. Ma è solo un fuoco di paglia, perché poi è ancora il Bologna a prendere in mano le redini del gioco. Tutte le azioni passano dal sinistro educato di Orsolini, che sbatte ripetutamente contro Di Gregorio in versione assist-man imbuca per Ferguson che spara addosso al portiere brianzolo in uscita. Serata no per lo scozzese che poco dopo l’ora di gioco è costretto a lasciare il posto a Ndoye per un problema al ginocchio lo svizzero si impegna ma con scarsi risultati. Zirkzee lascia traccia di sé grazie a una splendida progressione e poi stop. I padroni di casa ci provano fino all’ultimo ma, come a Frosinone, manca il guizzo vincente.

LE PAGELLE
Orsolini 7,5
– Tutte, ma proprio tutte, le azioni da gol del Bologna partono dal suo piede e per Carboni la serata è davvero difficile. Di Gregorio gli nega due volte la gioia del gol, una per tempo. In 90′ sbaglia solo una ghiotta punizione dal limite nel finale. In versione Orsonaldo, gli manca solo il gol.
Zirkzee 6 – La sua gara tecnicamente è più che discreta, ma al Bologna servono i suoi gol per non scendere proprio sul più bello dal treno Champions League.
Ferguson 5,5 – Serata sottotono del centrocampista scozzese, un pilastro della squadra. Spreca una buona occasione nel primo tempo, nella ripresa si fa anche male a un ginocchio

Di Gregorio 7 – Se il Monza torna a casa con un punticino, il merito è soprattutto del suo portiere. Strepitoso su Orsolini nel primo tempo, poi è attento anche nella ripresa, soprattutto sui calci da fermo dell’attaccante del Bologna.
Colpani 5,5 – Il Monza fa una gara prettamente difensiva e per gli attaccanti è davvero complicato. La sua gara è tutta in un sforbiciata al volo alta di poco.
A. Carboni 5 – Ha il cliente più difficile, Orsolini, e perde nettamente il confronto diretto. Troppa la differenza di passo tra i due. Si fa anche male.

IL TABELLINO
BOLOGNA-MONZA 0-0
Bologna (4-2-3-1)
: Skorupski 6,5, Posch 6, Lucumi 6,5, Beukema 6,5, Kristiansen 6; Freuler 5,5, Aebischer 6; Orsolini 7,5, Ferguson 5,5 (17′ st Ndoye 5), Urbanski 5; Zirkzee 6. A disp.: Ravaglia, Ilic, Corazza, Lykogiannis, De Silvestri, Calafiori, Moro, El Azzouzi, Fabbian. Karlsson, Castro. All.: Thiago Motta 6
Monza (4-2-3-1): Di Gregorio 7; Birindelli 6, Pablo Marí 6,5, Izzo 6, A. Carboni 5 (22′ st Pedro Pereira 6); Akpa Akpro 6 (34′ st Gagliardini sv), Bondo 6 (39′ st Colombo sv); Colpani 5,5 (39′ st V. Carboni sv), Pessina 6,5, Zerbin 5,5 (34′ st Maldini sv); Djuric 6. A disp.: Sorrentino, Gori, Donati, D’Ambrosio, Kyruakopoulos, Vignato, Ciurria. All.: Palladino 6
Arbitro: La Penna
Marcatori: –
Ammoniti: Orsolini (B), Akpa Akpro (M), Ferguson (B), Izzo (M), Beukema (B), Bondo (M), Birindelli (M), Ndoye (B)
Espulsi: –
Note: –

LE STATISTICHE
Solamente il Torino (sette) ha pareggiato più incontri con il punteggio di 0-0 rispetto a Bologna e Monza in questa Serie A (cinque ciascuna, incluso l’incontro odierno).
Il Bologna ha pareggiato due partite consecutive in Serie A per la prima volta da settembre (tre in quel caso, in una striscia culminata proprio nello 0-0 dell’andata contro il Monza).
Dopo aver perso le prime due trasferte di questa Serie A, il Monza non ha più infilato una serie di ko esterni (1V, 3N fuori casa dopo una sconfitta nel match esterno precedente).
Il Bologna ha fatto registrare più di 10 clean sheet casalinghi in una stagione di Serie A solo per la terza volta nella propria storia: 11, come nel 1946/47 e nel 1966/67. Inoltre, nessuna squadra ha mantenuto più volte la porta inviolata rispetto ai rossoblù davanti al proprio pubblico nella competizione in corso (11, appunto, al pari del Torino).
Dopo essere andato a bersaglio per sette primi tempi consecutivi in Serie A dall’inizio del girone di ritorno, il Bologna è rimasto a secco di reti in cinque delle ultime sei prime frazioni.
Il Bologna non ha concesso alcun tiro nello specchio in un match di campionato per la prima volta con Thiago Motta allenatore. Più nel dettaglio, i Rossoblù non ci riuscivano in Serie A dal settembre 2021 (contro l’Hellas Verona, sotto la guida di Sinisa Mihajlovic).
Il Monza è andato a riposo senza subire gol in ciascuna delle ultime cinque trasferte di Serie A e solo una volta era riuscito ad infilare una serie altrettanto lunga in gare esterne nel torneo (cinque anche tra gennaio e marzo 2023, incrociando ancora una volta il Bologna.
Riccardo Orsolini ha preso parte ad oltre la metà dei 17 tiri totali del Bologna nel match di oggi, grazie a sei conclusioni e quattro occasioni create per i compagni (record in entrambe queste voci tra i giocatori delle due squadre).
Solo contro il Napoli (nove lo scorso dicembre) Michele Di Gregorio ha effettuato più parate in questo campionato rispetto al match di oggi (sette, come ad ottobre contro il Sassuolo); più nel dettaglio, il portiere del Monza è l’estremo difensore che ha compiuto più interventi nella Serie A in corso: 110.