Ricevi notizie sportive per delle giocate online straordinarie! mancini castiga il milan giroud

Mancini castiga il Milan, Giroud sbaglia: semifinale nel mirino giallorosso

LA PARTITA
Rispetto alla gara col Lecce, per l’Euroderby Pioli recupera Thiaw in difesa, Loftus-Cheek alle spalle di Giroud e Bennacer in mediana. De Rossi invece conferma il tridente con cui ha vinto il derby con la Lazio, ma sposta El Shaarawy a destra e lascia Dybala libero di muoversi tra le linee. Mossa che mescola un po’ le carte dal punto di vista tattico, toglie un punto di riferimento ai difensori rossoneri e costringe il Milan a partire col freno a mano tirato per studiare il gioco giallorosso. Il primo squillo arriva da un’incursione della Joya in tandem con Spinazzola, poi il Milan prova ad alzare il baricentro e ad aumentare i giri a destra, ma la Roma in fase di non possesso passa al 4-4-2, tiene bene il campo e concede pochi spazi per verticalizzare. Da una parte Svilar si oppone a un tiro dal limite di Reijnders, dall’altra Calabria chiude bene invece su una ripartenza di Pellegrini e Maignan vola su un destro ravvicinato di El Shaarawy deviato da Gabbia. Occasioni che avvisano i rossoneri e preparano il terreno al vantaggio giallorosso. Come nel derby di Roma, anche a San Siro il colpo che dà una spallata alla gara lo firma Mancini di testa su calcio d’angolo di Dybala. Incornata che premia l’inaspettata organizzazione di gioco di De Rossi, gela San Siro e complica i piani rossoneri. Giroud e Gabbia provano subito a rispondere su palla inattiva, ma la manovra degli uomini di Pioli è troppo lenta e prevedibile e il bunker giallorosso regge. Celik disinnesca un cross di Pulisic, poi Leao non centra la porta in rovesciata e Lukaku non trova il pallone su una respinta corta di Maignan. Guizzi che tengono vivo il match. Ordinata in mediana con Paredes spesso davanti alla difesa e precisa nel palleggio in cosztruzione, la Roma manovra in ampiezza e si appoggia a Dybala per far salire la squadra e ripartire. Meno brillante delle ultime uscite, il Milan invece fatica a spingere a sinistra con Theo e Leao e patisce il dinamismo e la posizione di El Shaarawy. Chiamato in causa ancora da Reijnders, Svilar risponde presente. Poi il primo tempo si chiude con i giallorossi in attacco e un paio di tentativi fuori bersaglio di Spinazzola, Dybala ed El Shaarawy.

La ripresa inizia senza cambi e con un destro di Reijnders bloccato da Svilar. Il Milan però va al trotto, non spinge a sinistra e fatica ad attaccare lo spazio e a manovrare in velocità. A ritmo basso e con pochi spazi, del resto, la Roma gestisce il match con fisicità, tiene palla e gioca di rimessa senza forzare le giocate appoggiandosi alle sponde di Lukaku. Pellegrini protesta per un tocco di mano in area di Gabbia, poi Maignan ferma un sinistro debole di Dybala e Pioli fa entrare Adli al posto di Bennacer. Un sinistro di Pellegrini termina largo, poi è Cristante ad andare vicino al raddoppio. E il Milan trema. In difficoltà in costruzione e totalmente evanescenti a sinistra, i rossoneri si affidano a Pulisic per dare la scossa, ma le giocate dell’americano non bastano a creare la superiorità e a sfondare il muro giallorosso. Celik libera bene su un cross dell’ex Chelsea, poi un colpo di testa di Theo termina fuori dallo specchio. A caccia del pari, il Milan alza il baricentro e attacca a testa bassa. Ma il forcing è poco lucido e Smalling & Co. tengono botta. Reijnders e Adli testano i riflessi di Svilar, poi Okafor e Chukwueze sostituiscono Pulisic e Leao e De Rossi manda in campo Abraham al posto di Dybala. In pressione, nel finale gli uomini di Pioli attaccano con tanti uomini, alzano il baricentro e spingono. Smalling chiude su Hernandez, poi Chukwueze non trova la porta di sinistro e Giroud spedisce sulla traversa la miglior occasione della gara per il Milan. Errore che insieme agli ingressi di Aouar, Bove e Llorente e ad alcune proteste per un tocco di mano in area di Abraham su calcio d’angolo spegne le speranze rossonere e chiude il match. La Roma passa a San Siro e mette la semifinale nel mirino. Tra sette giorni c’è il secondo round col Milan all’Olimpico.

LE PAGELLE DI MILAN-ROMA

IL TABELLINO
MILAN-ROMA 0-1
Milan (4-2-3-1):
Maignan; Calabria, Thiaw, Gabbia, Theo Hernandez; Bennacer (14′ st Adli), Reijnders; Pulisic (33′ st Chukwueze), Loftus-Cheek, Leao (33′ st Okafor); Giroud.
A disp.: Sportiello, Nava, Jovic, Kjaer, Terracciano, Florenzi, Musah, Zeroli, Bartesaghi. All.: Pioli
Roma (4-3-3): Svilar; Celik, Mancini, Smalling, Spinazzola; Cristante, Paredes (44′ st Bove), Pellegrini (44′ st Aouar); El Shaarawy, Lukaku (45′ st Llorente), Dybala (35′ st Abraham).
A disp.: Rui Patricio, Boer, Karsdorp, Renato Sanches, Baldanzi, Zalewski, Joao Costa, Angelino. All.: De Rossi
Arbitro: Turpin (Fra)
Marcatori: 17′ Mancini (R)
Ammoniti: Pulisic, Adli, Loftus-Cheek (M); Cristante (R)
Espulsi: