Ricevi notizie sportive per delle giocate online straordinarie! de bondt esulta a treviso

De Bondt esulta a Treviso, Carapaz conserva la maglia rosa

Doveva essere una semplice tappa di trasferimento (o quasi) in vista delle ultime tre frazioni del Giro d’Italia 2022. Invece è successo davvero tanto in questa giornata. Non solo non c’è stata la prevista volata di gruppo per velocisti, ma in chiave classifica generale cambia un po’ la situazione. A poche ore dalla partenza della 18esima tappa della corsa rosa, infatti, arriva il primo colpo di scena: Joao Almeida (UAE Team Emirates) risulta positivo al Covid ed è costretto a ritirarsi quando aveva ancora qualche speranza di vittoria. Juan Pedro Lopez (Trek-Segafredo) perde invece contatto con il gruppo maglia rosa e scende a -15:10 (pur sempre in nona posizione) in classifica generale.

Il primo tentativo di fuga è quello giusto. Quattro sono gli uomini all’attacco: Dries De Bondt (Alpecin-Fenix), Davide Gabburo (Bardiani-CSF-Faizanè), Magnus Cort Nielsen (EF Education-EasyPost) ed Edoardo Affini (Jumbo-Visma). La media è molto alta, con quattro passisti di qualità davanti e il gruppo che, nonostante non abbia lasciato troppo spazio, fa tantissima fatica ad avvicinarsi. Una lunga battaglia tra il plotone e i fuggitivi avviene sul finale: il margine di circa un minuto resta ben stabile per gli attaccanti e le squadre dei velocisti (UAE Emirates, Quick-Step Alpha Vinyl e Groupama-FDJ) sono in gran difficoltà a provare a ridurre il gap.

A giocarsi la vittoria, quindi, sono gli attaccanti: è una volata ristretta, con Affini a lanciarla e De Bondt a vincere con il colpo di reni. Terzo Cort, quarto Gabburo, mentre il plotone arriva a 14”, con Alberto Dainese (DSM) a regolarlo davanti alla Maglia Ciclamino di Arnaud Démare (Groupama-FDJ). Resta in maglia rosa senza patemi Richard Carapaz (Ineos Grenadiers). Domenico Pozzovivo sale all’ottavo posto.