Ricevi notizie sportive per delle giocate online straordinarie! evenepoel beffa mas sullalto de

Evenepoel beffa Mas sull’Alto de Piornal e ipoteca la maglia rossa

Remco Evenepoel mette un altro sigillo sulla Vuelta: il belga vince la 18a tappa, corsa a ritmo forsennato, beffando allo sprint Enric Mas. Si tratta del secondo successo per la maglia rossa, dopo la cronometro di Alicante. Succede di tutto nella frazione odierna, che prevede tre salite: apre il duro Alto de la Desperá (3.7km al 9.4%), poi i corridori affrontano due volte l’Alto de Piornal (13.5km al 5%, punte al 12%) da versanti diversi. L’avvio della corsa è scandito da una caduta: a terra Rodriguez e Jay Vine, con quest’ultimo che si ritira e cede la maglia a pois a Carapaz. La fuga odierna è di grandi dimensioni, con 42 corridori all’attacco che ottengono un vantaggio massimo di nove minuti: tra loro Gesink, Nibali, Pinot, Higuita, Carthy, Carapaz, Geoghegan, Gesbert, vari velocisti e due gregari di Almeida. L’azione del portoghese è nell’aria, e arriva sull’Alto de la Desperá: il lusitano guadagna una quarantina di secondi, venendo aiutato da Oliveira e Soler. Tira nel gruppo l’Astana per Lopez, che richiama Nibali dalla fuga, mentre l’azione di giornata esplode sul primo Alto de Piornal e si forma un sestetto: Carapaz, Pinot, Carthy, Higuita, Gesink e Gesbert in testa con due minuti su Almeida e quasi tre sul gruppetto dei migliori. Lo stallo alla messicana prosegue fino alla salita conclusiva, più dura del passaggio precedente sull’Alto de Piornal: Gesink attacca nella fuga, mentre una serie di scatti e controscatti nel gruppo maglia rossa annulla l’azione di Almeida. Evenepoel saggia per la prima volta le gambe dei rivali, poi attacca con Mas nel finale: lo stoico Gesink viene ripreso ai -250m, i primi due della generale fanno il vuoto e si giocano la tappa. La vince Evenepoel, che rifila due secondi a Mas e Gesink: arrivano a 13″ Ayuso, Lopez e Almeida, mentre affonda a 1’19” l’acciaccato Rodriguez. Evenepoel blinda la maglia rossa, portando il suo margine a 2’07” su Mas e 5’14” su Ayuso, alla vigilia della tappa collinare verso Talavera de la Reina.