Ricevi notizie sportive per delle giocate online straordinarie! urlo oro e record del

Ganna da urlo, oro e record del mondo! Gioia Italia, Milan è d’argento

L’Italia sorride e vive una giornata storica nell’inseguimento individuale, andando a tingere d’azzurro il velodromo di Saint-Quentin-en-Yvelines, che ospita i Mondiali di ciclismo su pista. Dopo i turni preliminari, la situazione era delineata per gli azzurri, con la finale tutta tricolore tra Filippo Ganna e Jonathan Milan. Il recordman dell’ora, arrivato a soli sette decimi dal record del mondo nelle qualificazioni, lo stabilisce nella finalissima: con la consueta rimonta nella seconda metà di gara e la stessa bici utilizzata a Grenchen, Ganna trionfa col tempo di 3.59.630. Un altro primato e un altro oro, il quinto nell’inseguimento individuale, per il corridore dell’INEOS-Grenadiers: Jonathan Milan chiude a 4″154, con una grande partenza, e fa suo il secondo argento nella disciplina a soli 22 anni. Un uno-due, quello odierno, che porta l’Italia a quota sei medaglie. Il bronzo va a Ivo Oliveira, che aveva sconfitto il britannico Dan Bigham nella finalina di consolazione.

Non arrivano risultati di rilievo dalle altre finali di giornata, a partire dall’Omnium femminile: Elisa Balsamo, dopo la rimonta parziale nell’Elimination Race, disputa una corsa a punti anonima e chiude decima con 80 punti. L’oro va alla statunitense Jennifer Valente, che precede van der Duin e Martins. Cocente delusione, invece, per Matteo Bianchi nel km da fermo: l’azzurro, dopo il secondo posto nelle qualificazioni col nuovo record italiano (59″460), si peggiora di quattro decimi e chiude quinto nella gara dominata da Hoogland. Infine, chiude in nona posizione Michele Scartezzini nella corsa a punti maschile, dominata dall’olandese Yoeri Havik.